Lo Studio Giansalvo ed il Comitato Mutui Sulle Macerie insieme per aiutare le zone terremotate.
Tribunale di Taranto del 31 gennaio 2017 numero 360: la commissione di massimo scoperto si include nel calcolo del TEG perché una legge secondaria (Decreti Ministeriali sulla rilevazione del TAEG) è in contrasto con l'articolo 644 codice penale.
Due miliardi di euro di liti pendenti con i clienti per questioni legate all'anatocismo e ai derivati
Usura pattizia: Tribunale di Bari sentenza numero 5732/2016 del 31 ottobre 2016. Modalità di calcolo del TAEG con mora ed estinzione anticipata.
Usura contrattuale sul mutuo: Tribunale di Chieti.
Sospesa esecuzione immobiliare per usura su mutuo originaria.
Usura sul mutuo pattizia: inclusa la Mora nel calcolo del TAEG con modalità di calcolo espressa dal Giudice
Usura pattuizia: inclusione della CMS nel calcolo
Danni da illegittima segnalazione a sofferenza
Mutuo a consolidamento nullo per il Tribunale di Bergamo
Anatocismo e rimesse solutorie sul Tribunale di Milano
Mutui a tasso variabile, accolti gli impegni di Unipol per le clausole floor ed Euribor negativo
Il mutuatario era a credito alla data del precetto per cui la banca non poteva agire.
Bari, accolta parzialmente l'istanza della curatela per 157 operazioni in derivati sottoscritte fra il 1998 e il 2005. La società fallì nel 2011
TAEG del contratto di finanziamento indeterminato

Ordinanza di Cassazione n. 23192 del 2017: se la mora pattuita in contratto è maggiore del tasso soglia si applicano zero interessi

Articolo per tutti
Di Dott. Roberto Giansalvo
Lun, 09/10/2017 - 12:03
Articolo

Ora che la Cassazione ha espresso chiaramente la conseguenza civilistica della pattuizione della mora usuraria come si comporteranno i Giudici di Merito?

La Cassazione torna ancora ad esprimersi sul discorso annoso dell'usura sui mutui e torna a farlo esprimendo ancora una volta un indirizzo favorevole al mutuatario nonostante, come vedremo meglio in seguito, alcuni Giudici di merito continuino a determinare arbitrariamente il contenzioso in tale ambito.

Cosa ha stabilito la l'Ordinanza della Cassazione n. 23192 del 4 Ottobre 2017?

Un principio che, ad avviso dello scrivente, era chiaro ed ineluttabile fin dalla Cassazione numero 350 del 2013 e seguenti e ribadito dalla Cassazione Civile del 6 marzo 2017 numero 5598, vale a dire che se il semplice tasso di mora pattuito contrattualmente supera il tasso soglia il mutuatario, in applicazione dell'articolo 1815 del codice civile, non dovrà pagare nessun interesse con il risultato che potrà ripetere gli interessi già pagati e non pagare più interessi sulle rate a scadere del mutuo.

Al fine di andare a valutare se il tasso di mora supera la soglia di usura fissata dalla legge numero 108 del 1996 si dovrà andare a verificare semplicemente il tasso di mora contrattuale e non andare a verificare se il tasso di mora superi effettivamente il tasso soglia nel corso del rapporto.

Principi già enunciati nella Cassazione n. 5598 del 6 marzo 2017?

Tale principio era già stato ribadito dalla Cassazione Civile del 6 marzo 2017 numero 5598 che aveva indicato, tra le righe, che a nulla rileva il superamento del tasso soglia in concreto. Se il tasso di mora supera la soglia di usura alla pattuizione, e per tasso soglia di usura si intende quello degli interessi corrispettivi, il contratto è in usura originaria e (conseguentemente, applicando le norme) la clausola che pattuisce gli interessi è nulla.
Non importa se il rapporto si sia sviluppato nella sua fase patologica con l'applicazione della mora. Non interessa andare a valutare se la mora applicata al rapporto sia tale da mandare il rapporto in usura (considerando il TAEG (Tasso annuo effettivo Globale) o TIR (Tasso interno di rendimento) del rapporto (si veda il nostro articolo sulla sentenza della cassazione numero 5598 del 6 marzo 2017).

Nella stessa ordinanza della Cassazione Civile del 6 marzo si esprimeva un altro determinante principio, vale a dire che l'articolo 1 della Legge 108 del 1996, il quale prevede la fissazione di un tasso soglia usura, riguarda sia gli interessi corrispettivi che gli interessi moratori.
La conclusione che possiamo trarre è che sia il tasso corrispettivo, che il tasso moratorio, soggiaciono alle medesime norme anti usura di cui alla Legge 108 del '96 e che esiste un solo tasso soglia usura (in merito ai mutui), valido sia per gli interessi corrispettivi che per gli interessi moratori. Pertanto, a nulla rilevano, le istruzioni della Banca d'Italia che individuerebbero un diverso tasso soglia per gli interessi di mora ottenuto maggiorando di 2,1 punti percentuali il TEGM per gli interessi corrispettivi ed il tutto moltiplicato per una volta e mezzo se stesso.

Da quanto indicato chiaramente dalla Cassazione Civile del 6 marzo 2017 numero 5598 e dalla Cassazione numero 23192 del 2017 per verificare se un contratto di mutuo, di finanziamento o di leasing sia in usura basta andare a vedere se il tasso di mora indicato in contratto sia superiore al tasso soglia ex Legge 108/96 (senza considerare la maggiorazione sul tasso soglia di mora come da parere Banca d'Italia).
Se attraverso tale verifica il tasso di mora risultasse più alto del tasso soglia si potrebbero recuperare, in applicazione dell'articolo 1815 codice civile, tutti gli interessi pagati.

Quale sarà l'interpretazione dei Giudici?

Ora staremo a vedere come alcuni Giudici di alcuni Tribunali Italiani interpreteranno tale sentenza.
Fino ad oggi si è assistito alle decisioni più bizzarre, ad esempio:

  • il tasso di mora non concorre al calcolo del TEG
  • il tasso di mora ha un diverso tasso soglia e pertanto il confronto va fatto con il tasso soglia di mora che si ottiene maggiorando di 2,1% il TEGM
  • il tasso soglia di mora non esiste e pertanto non è possibile valutare se la mora è usuraria
  • il rapporto non è mai andato in mora e pertanto la mora, non essendo stata applicata, non può generare usura.

 

Questo articolo è stato scritto per tutte le tipologie di pubblico. Di seguito è possibile trovare altri articoli che trattano lo stesso argomento.

Articolo per pubblico professionale
Usura sui mutui: Cassazione civile del 6 marzo 2017, n. 5598 sancisce per la verifica dell'usura l'irrilevanza dell'applicazione in concreto.
Articolo per pubblico professionale
La mora va nel calcolo del TEG. Criteri di calcolo del TEG e stato della giurisprudenza ad oggi. Azzeramento degli interessi?
Articolo per pubblico professionale
Calcolo del TEG su conto corrente alla luce della Cassazione Civile, confronto con le Cassazioni Penali e possibili sviluppi. Includere o meno la CMS nel TEG?
 

Aggiungi un commento

CONTATTA LO STUDIO AI NUMERI 0872 724312 OPPURE ALL'INDIRIZZO boss@studiogiansalvo.it PER AVERE INFORMAZIONI
RICEVIAMO, QUALORA CE NE FOSSE LA NECESSITA', IN DIVERSE SEDI SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE