Lo Studio Giansalvo ed il Comitato Mutui Sulle Macerie insieme per aiutare le zone terremotate.
Due miliardi di euro di liti pendenti con i clienti per questioni legate all'anatocismo e ai derivati
Mutui a tasso variabile, accolti gli impegni di Unipol per le clausole floor ed Euribor negativo
Bari, accolta parzialmente l'istanza della curatela per 157 operazioni in derivati sottoscritte fra il 1998 e il 2005. La società fallì nel 2011.
Dopo 3 anni la UE rende pubblica la decisione del 4/12/13 che potrebbe costare 16 miliardi di euro alle banche italiane
Stop all’anatocismo: gli interessi dovuti solo se moratori
Rinviati a giudizio vertici bancari per usura bancaria
Sospensione dei Termini del 29/2/16
Sospensione dei Termini del 05/03/16
Perdita di 770 milioni di euro per il terzo trimestre 2015 di Veneto Banca
Approvazione del decreto attuativo della Direttiva Europea
Tribunale di Pescara. Coniugi ottengono un rimborso sul mutuo fondiario in usura pattizia.
Bloccata esecuzione immobiliare per l'applicazione della legge sul sovra-indebitamento.
Regalo di natale ottenuto con la denuncia di applicazione di interessi usurari.
Rinviata a giudizio la BCC Picena Aprutina per fatti di usura

Proposta saldo e stralcio: come abbattere i debiti bancari

Accordo transattivo a saldo e stralcio in unica soluzione o con pagamento rateale, tutto quello che devi sapere.

In questo contesto di crisi sistemica dell’ultimo decennio molti privati cittadini e molte aziende hanno accumulato debiti con le banche che non riescono più a gestire vista la carenza di liquidità aziendale e di lavoro. Questo ha creato problemi sia ai debitori che ai creditori con gli ormai famosi crediti deteriorati (NPL).
Pochi sanno che per queste situazioni è previsto uno strumento definito transazione a saldo e stralcio con la quale il debitore può abbattere notevolmente il suo debito con la banca.

Cosa è una definizione a saldo e stralcio con la banca?

La definizione del debito bancario a saldo e stralcio è lo strumento che consente di chiudere la sofferenza con una minor somma rispetto a quella richiesta, vale a dire una transazione con le quali le parti risolvono bonariamente la posizione debitoria con l’ottenimento di un vantaggio da entrambe le parti.
La banca incasserà subito il debito anche se in minor somma senza dover agire per vie legali e quindi risparmiando tempo e soldi, mentre il debitore pagherà una somma inferiore per il proprio debito evitando azioni legali e procedure esecutive oltre che non poter accedere al nuovo credito bancario per la segnalazione come cattivo pagatore nella CRIF o nella Centrale Rischi bancaria.
E’ possibile effettuare il saldo e stralcio sostanzialmente in due modi:

  • la prima, la più consigliata e quella di più facile accoglimento è quella relativa al saldo e stralcio in unica soluzione;
  • a seconda è quella di poter pagare il debito contratto in una minore somma ma a rate, magari per importi più grandi per il quale il debitore sarebbe impossibilitato a pagare in un unica soluzione. Si parla in questo caso di saldo e stralcio a rate.

Con quale percentuale si può effettuare il saldo e stralcio?

Molti dei nostri clienti ci chiedono a che percentuale siamo in grado di poter chiudere la posizione debitoria con la banca.
A tal proposito è fondamentale sottolineare come le posizioni non sono tutte uguali perché sono differenti le controparti e perché sono sostanzialmente differenti sia i debitori (con il loro patrimonio aggredibile) e sia il debito sottostante.
Per dare una risposta di massima si può dire che abbiamo fatto chiudere i debiti con le banche con uno sconto che va dal venti all’ottanta per cento.

Il saldo è stralcio sul mutuo ipotecario è possibile?

Non bisogna disperare anche quando la casa è andata all’asta. E’ possibile infatti definire bonariamente la posizione anche in questo contesto, approfittando soprattutto della perdita di valore degli immobili e della lunghezza delle procedure esecutive. In sostanza due fattori negativi per il sistema Italia ma che questa volta giocano a nostro favore.
Per la banca, spesso è molto meglio incassare una somma certa oggi piuttosto che avviare una procedura esecutiva dagli esiti incerti e con tempi non definibili (soprattutto con le esigenze che le banche hanno rispetto ai crediti deteriorati di cui sono pieni i loro bilanci).

Cosa serve per fare una buona trattativa a saldo e stralcio?

Per effettuare un buon saldo e stralcio è necessario avere delle ottime capacità di negoziazione oltre ad una esperienza del contenzioso bancario per capire fin dove ci si può spingere nel fare una proposta che sia ritenuta accettabile dall’Istituto bancario creditore. Non ultimo bisogna sapere alla perfezione come ragionano le banche nel decidere se accettare o meno una proposta transattiva a saldo e stralcio.
Sono tutte competenze che abbiamo maturato nel corso degli anni e che possiamo mettere al tuo servizio per aiutarti a ritrovare la serenità che meriti.

Vantaggi nell’effettuare il saldo e stralcio.

Sono numerosi i vantaggi che si ottengono seguendo questa procedura.
In sostanza il debitore si libera di un debito ben più alto della cifra del debito che pagherà con la transazione. L’ulteriore vantaggio sta nella cancellazione dalla CRIF e dalla Centrale Rischi Bancaria come cattivo pagatore, potendo così accedere di nuovo serenamente al credito bancario.

Visiona un esempio di un nostro caso di successo.

Attraverso la definizione a saldo e stralcio il nostro cliente, tramite la nostra consulenza e quelle dell’Avv. Greblo, in poche settimane si è liberato di un debito di circa 20.000,00 abbattendo il debito fino ad euro 5.000,00 in un unica soluzione, con un risparmio del 75%.
Per avere questo servizio il cliente ha pagato una piccola somma per l’istruttoria della pratica e una piccola percentuale su quanto ha risparmiato con la banca.

Il presente articolo costituisce una libera interpretazione dell’Autore basata sulla propria esperienza professionale della materia.
Esso non può intendersi quale parere legale. Per qualsiasi approfondimento si invita a rivolgersi ad un legale esperto in diritto bancario per gli approfondimenti del caso.

Se ti è piaciuto questo articolo iscriviti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti ed approfondimenti in materia bancaria.

Aggiungi un commento

Ho letto e accetto l'Informativa Privacy e Cookie.
Autorizzo l’iscrizione alla newsletter dello Studio Giansalvo relativa all’invio di aggiornamenti sul contenzioso bancario e all’invio di email con finalità di marketing non di terze parti.
CONTATTA LO STUDIO AI NUMERI 0872 724312 OPPURE ALL'INDIRIZZO roberto@studiogiansalvo.it PER AVERE INFORMAZIONI
RICEVIAMO IN DIVERSE SEDI SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE: LANCIANO (CH), TRIESTE E BERGAMO.