Lo Studio Giansalvo ed il Comitato Mutui Sulle Macerie insieme per aiutare le zone terremotate.
Due miliardi di euro di liti pendenti con i clienti per questioni legate all'anatocismo e ai derivati
Mutui a tasso variabile, accolti gli impegni di Unipol per le clausole floor ed Euribor negativo
Bari, accolta parzialmente l'istanza della curatela per 157 operazioni in derivati sottoscritte fra il 1998 e il 2005. La società fallì nel 2011.
Dopo 3 anni la UE rende pubblica la decisione del 4/12/13 che potrebbe costare 16 miliardi di euro alle banche italiane
Stop all’anatocismo: gli interessi dovuti solo se moratori
Rinviati a giudizio vertici bancari per usura bancaria
Sospensione dei Termini del 29/2/16
Sospensione dei Termini del 05/03/16
Perdita di 770 milioni di euro per il terzo trimestre 2015 di Veneto Banca
Approvazione del decreto attuativo della Direttiva Europea
Tribunale di Pescara. Coniugi ottengono un rimborso sul mutuo fondiario in usura pattizia.
Bloccata esecuzione immobiliare per l'applicazione della legge sul sovra-indebitamento.
Regalo di natale ottenuto con la denuncia di applicazione di interessi usurari.
Rinviata a giudizio la BCC Picena Aprutina per fatti di usura

In questi giorni stiamo riscontrando problemi con il nostro operatore telefonico. Qualora il numero telefonico 0872 724312 fosse irraggiungibile, è possibile utilizzare il numero alternativo 334 1904504. Ci scusiamo per l'inconveniente.

Fare causa alla banca: come comportarsi e cosa attendersi

Nonostante quello che sostengono i direttori di banca, le cause le vincono gli utenti bancari se ben consigliati e seguiti

Decidere di far causa alla banca è una scelta che richiede ponderazione tra i benefici e i costi sia in termini di denaro speso che di opportunità.

Le cause fatte alla banca possono portare il riconoscimenti di somme anche importanti per la illegittima applicazione di interessi su interessi (il cosiddetto anatocismo), per la applicazione di interessi usurari, per l'applicazione di spese e commissioni non pattuite, ma sicuramente vanno presi in considerazione gli effetti negativi.

Tra gli effetti negativi sicuramente è da considerare il fatto che se facciamo causa ad una banca essa con molta probabilità non vorrà più concederci credito. Ma non preoccupatevi, se la vostra situazione non è pregiudicata in centrale rischi ci saranno altri istituti a volervi finanziari. Le banche non differiscono dal negozio sotto casa, se si litiga con quello si potrà sicuramente andare dall'altro dietro l'angolo.

I passi per fare causa ad una banca

Vediamo quali sono i passi per far causa alla banca.

In primo luogo bisognerà raccogliere la documentazione. Se la documentazione non è in possesso del ricorrente allora bisognerà chiederla in banca ai sensi dell'articolo 119 del Testo Unico Bancario.
La banca a questo punto avrà l'obbligo di consegnarci la documentazione richiesta entro 90 giorni dalla richiesta. La banca è obbligata a consegnarci soltanto gli ultimi 10 anni dei documenti richiesti. Si consideri che tale produzione documentale ha dei costi che possono arrivare anche a qualche centinaio di euro. Si, sono fotocopie, ma se le fanno pagare caro perché sanno che se le state chiedendo è per fargli causa.

Una volta che si sono raccolti i documenti utili si deve fare analizzare i documenti ad un perito esperto nella materia.
Lo Studio Giansalvo, con la sua ultra decennale esperienza, effettua l'analisi preliminare dei rapporti bancari in tempi brevissimi.

Qualora ci siano gli estremi per ottenere il rimborso sarà necessario farsi redarre una perizia econometrica.

Una volta che si è in possesso di tutti i documenti e la perizia econometrica si potrà agire contro la banca.
Vi sono due principali strade alternative che si possono intraprendere:

  • la strada giudiziale, attraverso un contenzioso che può essere effettuato in Tribunale o presso il Giudice di Pace per importi entro 5.000 euro;
  • la strada stragiudiziale che consiste in un accordo con la banca.

Qualora si seguisse il percorso giudiziale bisognerà effettuare la mediazione, obbligatoria per questo tipo di cause. Nella mediazione è obbligatoria la presenza di un legale, ed è importante che sia un legale esperto in diritto bancario.

Qualora la mediazione non andasse a buon fine, il passo successivo e finale è l'instaurazione della causa vera e propria.
Una cosa è certa nonostante il percorso possa sembrare lungo, qualora istruita bene e fondata su presupposti seri la causa la vincerà l'utente bancario, nonostante quello che ultimamente vanno indicando i vari direttori di filiale.
Provate a chiedere al vostro macellaio se la carte è fresca. Questo, con molta probabilità, vi risponderà che la carne è fresca, anche se sono giorni che è in deposito.

Recuperare i soldi indebitamente sottratti è un vostro diritto, non fatevi ingannare.

 

Questo articolo è stato scritto per un pubblico non professionale. Di seguito è possibile trovare altri articoli che trattano lo stesso argomento.

Verifica anomalie su rapporti bancari: a chi rivolgersi?
Trovare un consulente serio ed affidabile non è facile: come destreggiarsi nel labirintico mondo dell’usura bancaria
Contenzioso bancario per anatocismo e usura: come evitare il suicidio assistito da parte dei tuoi difensori.
Improvvisarsi nel settore delle anomalie bancarie è pericoloso, anche un piccolo errore può tramutare la vostra pratica da molto positiva ad un insuccesso.
 

Commenti

Ho un conto corrente aperto nel 1996, ho chiesto al direttore di banca se vale la pena recuperare l'anatocismo. Mi ha risposto che le cause con le banche non si vincono e di lasciare perdere. Attendo vostro cortese consiglio.

Buongiorno, ha chiesto alla persona sbagliata. Chiaro che il direttore voleva sconsigliarla. Le cause alle banche si vincono e si perdono, ma per un conto come da lei indicato ci sono sicuramente importi da recuperare a titolo di anatocismo e di cms almeno. Vada al link indicato e vedrà molti casi simili al suo: https://www.studiogiansalvo.it/sentenze Cordialmente

Aggiungi un commento

Ho letto e accetto l'Informativa Privacy e Cookie.
Autorizzo l’iscrizione alla newsletter dello Studio Giansalvo relativa all’invio di aggiornamenti sul contenzioso bancario e all’invio di email con finalità di marketing non di terze parti.
CONTATTA LO STUDIO AI NUMERI 0872 724312 OPPURE ALL'INDIRIZZO boss@studiogiansalvo.it PER AVERE INFORMAZIONI
RICEVIAMO, QUALORA CE NE FOSSE LA NECESSITA', IN DIVERSE SEDI SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE