Lo Studio Giansalvo ed il Comitato Mutui Sulle Macerie insieme per aiutare le zone terremotate.
Due miliardi di euro di liti pendenti con i clienti per questioni legate all'anatocismo e ai derivati
Mutui a tasso variabile, accolti gli impegni di Unipol per le clausole floor ed Euribor negativo
Bari, accolta parzialmente l'istanza della curatela per 157 operazioni in derivati sottoscritte fra il 1998 e il 2005. La società fallì nel 2011.
Dopo 3 anni la UE rende pubblica la decisione del 4/12/13 che potrebbe costare 16 miliardi di euro alle banche italiane
Stop all’anatocismo: gli interessi dovuti solo se moratori
Rinviati a giudizio vertici bancari per usura bancaria
Sospensione dei Termini del 29/2/16
Sospensione dei Termini del 05/03/16
Perdita di 770 milioni di euro per il terzo trimestre 2015 di Veneto Banca
Approvazione del decreto attuativo della Direttiva Europea
Tribunale di Pescara. Coniugi ottengono un rimborso sul mutuo fondiario in usura pattizia.
Bloccata esecuzione immobiliare per l'applicazione della legge sul sovra-indebitamento.
Regalo di natale ottenuto con la denuncia di applicazione di interessi usurari.
Rinviata a giudizio la BCC Picena Aprutina per fatti di usura

Sentenza del Tribunale di Como n. 1088 del 13 Luglio 2017

Usura del tasso di mora e conversione forzosa del mutuo da oneroso a gratuito

La Sentenza fa chiarezza in relazione alla considerazione degli interessi di mora ai fini della valutazione dell'usurarietà.

Nel corpo della sentenza si legge chiaramente che gli interessi di mora, a prescindere dalla loro concreta applicazione, devono essere presi in considerazione ai fini della valutazione del'usarietà.

Richiamando l’indirizzo giurisprudenziale prevalente, sia di legittimità che di merito, secondo cui ai fini dell’usura rileva il momento in cui la clausola usuraria è convenuta in sede di stipula, il giudice dispone la non debenza di interessi, siano essi corrispettivi o moratori, sanzionando la pattuizione usuraria del tasso moratorio con la nullità degli interessi ai sensi dell’art. 1815 secondo comma, ovvero ha previsto la conversione forzosa del mutuo da oneroso a gratuito.

In effetti la legge numero 108 del 1996 ha individuato un unico criterio ai fini dell’accertamento del carattere usurario degli interessi (la formulazione dell’articolo 1, comma 3, ha valore assoluto in tal senso) e che nel sistema era già presente, ovvero il principio di omogeneità di trattamento, pur nella diversità di funzione, sia degli interessi corrispettivi che di quelli moratori (come peraltro confermato da ultimo, da Cassazione Civile sesta sezione, del 6 marzo 2017, numero 5598).

(Commento a cura degli avv.ti Roberta Capone, del foro di Salerno, e Paolo Francesco Muolo, del foro di Como-con studio in Como alla Via Dante Alighieri n. 95- Per info e contatti Cell.: 345 1223523)

La pratica di cui alla sentenza è stata seguita dallo Studio Giansalvo come consulenti tecnici.

CONTATTA LO STUDIO AI NUMERI 0872 724312 OPPURE ALL'INDIRIZZO boss@studiogiansalvo.it PER AVERE INFORMAZIONI
RICEVIAMO, QUALORA CE NE FOSSE LA NECESSITA', IN DIVERSE SEDI SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE