Lo Studio Giansalvo ed il Comitato Mutui Sulle Macerie insieme per aiutare le zone terremotate.
Due miliardi di euro di liti pendenti con i clienti per questioni legate all'anatocismo e ai derivati
Mutui a tasso variabile, accolti gli impegni di Unipol per le clausole floor ed Euribor negativo
Bari, accolta parzialmente l'istanza della curatela per 157 operazioni in derivati sottoscritte fra il 1998 e il 2005. La società fallì nel 2011.
Dopo 3 anni la UE rende pubblica la decisione del 4/12/13 che potrebbe costare 16 miliardi di euro alle banche italiane
Stop all’anatocismo: gli interessi dovuti solo se moratori
Rinviati a giudizio vertici bancari per usura bancaria
Sospensione dei Termini del 29/2/16
Sospensione dei Termini del 05/03/16
Perdita di 770 milioni di euro per il terzo trimestre 2015 di Veneto Banca
Approvazione del decreto attuativo della Direttiva Europea
Tribunale di Pescara. Coniugi ottengono un rimborso sul mutuo fondiario in usura pattizia.
Bloccata esecuzione immobiliare per l'applicazione della legge sul sovra-indebitamento.
Regalo di natale ottenuto con la denuncia di applicazione di interessi usurari.
Rinviata a giudizio la BCC Picena Aprutina per fatti di usura

In questi giorni stiamo riscontrando problemi con il nostro operatore telefonico. Qualora il numero telefonico 0872 724312 fosse irraggiungibile, è possibile utilizzare il numero alternativo 334 1904504. Ci scusiamo per l'inconveniente.

Come opporsi ai Decreti Ingiuntivi delle Banche

L'opposizione al decreto ingiuntivo della banca è più efficace se effettuata attraverso una perizia econometrica la quale attesti il corretto saldo di conto corrente.

opposizione a decreto ingiuntivo - martelletto giudice

L'ingiunzione di pagamento è lo strumento costantemente utilizzato dalle banche per ottenere il pagamento dei crediti derivanti dal fido bancario.
Per una opposizione efficace al decreto ingiuntivo occorre redigere una relazione tecnico-contabile (perizia econometrica) la quale attesti il corretto saldo di conto corrente.
Le banche, infatti, allegano al decreto ingiuntivo, la certificazione, secondo l'articolo 50 del Decreto legislativo 385/93 (Testo Unico Bancario - T.U.B.).
Tale norma, offre la possibilità alle banche, di chiedere ed ottenere ingiunzione di pagamento ai sensi dell'articolo 633 del codice di procedura civile sulla base dell'estratto conto "certificato" conforme alle scritture contabili tenute dalla banca istante, certificando che il credito azionato è liquido, certo ed esigibile.
In pratica è la stessa banca che certifica se stessa, confermando che il credito è certo ed esigibile.

Bisogna, per opporsi a tale ingiunzione, verificare il corretto credito, redigendo una perizia di parte da allegare all'atto di opposizione, evidenziando il nuovo saldo dopo aver eliminato gli indebiti eventuali per interessi anatocistici, interessi usurari, interessi ultra-legali, commissioni di massimo scoperto, spese e valute.
Per tutti i rapporti aperti antecedentemente al 9 febbraio 2000, indubbiamente, la capitalizzazione degli interessi inficia i saldi dare-avere tra le parti, pregiudicando piuttosto seriamente la veridicità dei risultati offerti dalla banca nell'estratto di conto ai sensi del articolo 50 T.U.B. Ma l'anatocismo deve essere riconosciuto anche dal 1 gennaio 2014 al 1 ottobre 2016. Inoltre qualora la banca non abbia adempiuto alle corrette formalità si può pensare di recuperarlo anche per il conti aperti dopo il 2000.
A volte le banche per prevenire tale contestazione effettuano un calcolo errato dell'anatocismo, scontando una misura minima degli indebiti eventuali, ma spesso ricalcolando il saldo di conto corrente le banche risultano debitrici e non creditrici.

Fai controllare i tuoi estratti conto, molto probabilmente esso nasconde delle irregolarità: usura, anatocismo, interessi ultra-legali, commissioni di massimo scoperto e spese non dovute. Qualora il saldo di conto corrente del tuo estratto conto rileva delle irregolarità puoi fare opposizione alla ingiunzione della banca.

CONTATTA LO STUDIO AI NUMERI 0872 724312 OPPURE ALL'INDIRIZZO boss@studiogiansalvo.it PER AVERE INFORMAZIONI
RICEVIAMO, QUALORA CE NE FOSSE LA NECESSITA', IN DIVERSE SEDI SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE