Lo Studio Giansalvo ed il Comitato Mutui Sulle Macerie insieme per aiutare le zone terremotate.
Due miliardi di euro di liti pendenti con i clienti per questioni legate all'anatocismo e ai derivati
Mutui a tasso variabile, accolti gli impegni di Unipol per le clausole floor ed Euribor negativo
Bari, accolta parzialmente l'istanza della curatela per 157 operazioni in derivati sottoscritte fra il 1998 e il 2005. La società fallì nel 2011.
Dopo 3 anni la UE rende pubblica la decisione del 4/12/13 che potrebbe costare 16 miliardi di euro alle banche italiane
Stop all’anatocismo: gli interessi dovuti solo se moratori
Rinviati a giudizio vertici bancari per usura bancaria
Sospensione dei Termini del 29/2/16
Sospensione dei Termini del 05/03/16
Perdita di 770 milioni di euro per il terzo trimestre 2015 di Veneto Banca
Approvazione del decreto attuativo della Direttiva Europea
Tribunale di Pescara. Coniugi ottengono un rimborso sul mutuo fondiario in usura pattizia.
Bloccata esecuzione immobiliare per l'applicazione della legge sul sovra-indebitamento.
Regalo di natale ottenuto con la denuncia di applicazione di interessi usurari.
Rinviata a giudizio la BCC Picena Aprutina per fatti di usura

Contratti falsi prodotti dalla banca

Il cliente ha fatto la richiesta in banca ai sensi dell’articolo 119 Testo Unico Bancario e la Banca gli ha fornito un contratto palesemente falso.

Qualche settimana fa un correntista ci ha portato da analizzare un conto corrente affidato aperto nel lontano 1985 e chiuso nel 2016.

E’ abbastanza raro trovare un correntista che abbia conservato tutti gli estratti conto di un rapporto così lungo dove sicuramente gli interessi sarebbero stati regolati alle condizioni usualmente praticate dagli istituti di credito.

Come noto, tale pattuizione contrattuale farebbe ricalcolare il rapporto ai tassi sostitutivi, nello specifico i tassi legali pro-tempore vigente, notevolmente più bassi dei tassi di interesse applicati dalla banca. Pertanto tale ricalcolo sarebbe stato molto vantaggioso per il correntista.

Il cliente ci ha fornito solo gli estratti conto ma non ci ha dato i contratti di apertura del conto corrente.

I contratti sono stati richiesti alla banca ai sensi dell’articolo 119 Testo Unico Bancario e la banca ci ha fornito un contratto contenente le condizioni economiche applicate sui tassi debitori e sulla commissione di massimo scoperto.

Visto il contratto fornitoci, i ristorni per il cliente andavano riducendosi.
I nostri tecnici, dall'occhio sopraffino, posto che era praticamente impossibile che al 12 febbraio 1985 (data di apertura del rapporto) esistesse un contratto del genere, hanno aguzzato la vista e indovinate un po'…

Il contratto era palesemente falso!

All'articolo 3 delle norme si può notare che si fa riferimento all'articolo 9 bis della Legge 15 dicembre 1990 n. 386.
Come è possibile che un contratto con data 1985, firmato nel 1985 prevedesse una legge di 5 anni dopo?
Sarà la magistratura ad indagare. Noi possiamo soltanto rilevare il fatto, evidenziando le anomalie indicate e sperare che la giustizia faccia il suo corso.

Ricordiamo ai lettori che tutti i rapporti bancari antecedenti al 9 luglio 1992 prevedevano, secondo le Norme Bancarie Uniformi (NUB), che i tassi di interesse applicati dalla banca erano determinati secondo l’uso su piazza.
Tale pattuizione, ritenuta nulla dalla giurisprudenza, comporta il ricalcolo del rapporto ai tassi sostitutivi, molto più bassi di quelli applicati dalla banca.
La banca con la produzione contrattuale falsa ha cercato di pagare meno interessi al correntista perché la pattuizione di tassi debitori e commissioni di massimo scoperto determinata e determinabile non consentirebbe di ricalcolare il rapporto ai tassi sostitutivi.

Invitiamo pertanto tutti gli utenti bancari a prestare massima attenzione ai documenti che vengono firmati in banca. Accertatevi di firmare un documento soltanto dopo averlo letto e soltanto dopo che la controparte abbia messo la data corrente sul documento che state per firmare.

Il presente articolo costituisce una libera interpretazione dell’Autore basata sulla propria esperienza professionale della materia.
Esso non può intendersi quale parere legale. Per qualsiasi approfondimento si invita a rivolgersi ad un legale esperto in diritto bancario per gli approfondimenti del caso.

Se ti è piaciuto questo articolo iscriviti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti ed approfondimenti in materia bancaria.

Commenti

Ricordo una nota trasmissione televisiva che qualche anno fa fece un teatrino con i contratti falsi prodotti dalla banca. Che ridere.... ma a pensare che queste cose esistono davvero mi vengono i brividi.

Aggiungi un commento

Ho letto e accetto l'Informativa Privacy e Cookie.
Autorizzo l’iscrizione alla newsletter dello Studio Giansalvo relativa all’invio di aggiornamenti sul contenzioso bancario e all’invio di email con finalità di marketing non di terze parti.
CONTATTA LO STUDIO AI NUMERI 0872 724312 OPPURE ALL'INDIRIZZO roberto@studiogiansalvo.it PER AVERE INFORMAZIONI
RICEVIAMO IN DIVERSE SEDI SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE: LANCIANO (CH), TRIESTE E BERGAMO.