Lo Studio Giansalvo ed il Comitato Mutui Sulle Macerie insieme per aiutare le zone terremotate.
Due miliardi di euro di liti pendenti con i clienti per questioni legate all'anatocismo e ai derivati
Mutui a tasso variabile, accolti gli impegni di Unipol per le clausole floor ed Euribor negativo
Bari, accolta parzialmente l'istanza della curatela per 157 operazioni in derivati sottoscritte fra il 1998 e il 2005. La società fallì nel 2011.
Dopo 3 anni la UE rende pubblica la decisione del 4/12/13 che potrebbe costare 16 miliardi di euro alle banche italiane
Stop all’anatocismo: gli interessi dovuti solo se moratori
Rinviati a giudizio vertici bancari per usura bancaria
Sospensione dei Termini del 29/2/16
Sospensione dei Termini del 05/03/16
Perdita di 770 milioni di euro per il terzo trimestre 2015 di Veneto Banca
Approvazione del decreto attuativo della Direttiva Europea
Tribunale di Pescara. Coniugi ottengono un rimborso sul mutuo fondiario in usura pattizia.
Bloccata esecuzione immobiliare per l'applicazione della legge sul sovra-indebitamento.
Regalo di natale ottenuto con la denuncia di applicazione di interessi usurari.
Rinviata a giudizio la BCC Picena Aprutina per fatti di usura

Analisi Centrale Rischi: migliorare il rating bancario per aumentare le possibilità di accesso al credito.

La banca, nella concessione del credito, valuta quasi soltanto la centrale rischi. Come comprenderla e soprattutto come poterla gestire al fine di migliorare l’accesso al credito.

Analisi Centrale Rischi: migliorare il rating bancario per aumentare le possibilità di accesso al credito.

La Centrale Rischi bancaria è lo strumento che utilizzano le banche e le società finanziarie per valutare lo stato di salute dei propri debitori. Essa raccoglie le informazioni fornite da banche e società finanziarie sui crediti concessi ai clienti e sullo stato delle garanzie a protezione degli stessi.
Tale strumento è di difficile lettura e, se non giustamente compreso, può portare a numerosi problemi (sconfini tecnici, segnalazioni e aumento del costo del credito) che possono condurre la tua azienda alla morte finanziaria.
La perfetta conoscenza della Centrale Rischi è fondamentale per migliorare il rating bancario della propria azienda. Considera che con l’introduzione di Basilea 2 e 3 ciò che conta per le banche non è tanto l’indebitamento netto presso il sistema bancario quanto la capacità dell’azienda di ripagare i debiti contratti a medio e lungo termine.

E’ possibile migliorare il rating bancario?

E’ certamente possibile a patto di conoscere bene le regole del gioco e tra queste c’è la valutazione da parte della banca degli aspetti andamentali quali il corretto utilizzo dei fidi di conto corrente, la corretta movimentazione dei conti correnti etc. Si tratta di dati che la banca non vede una sola volta l’anno, come i bilanci, ma che ha a disposizione tutti i mesi e soprattutto a cui dà grande importanza poiché sono elementi obiettivi rispetto ad altri dati che determinano il rating bancario, in quanto sono le stesse banche a comunicarli.

Ad esempio, alcuni brevi consigli per poter migliorare il rating bancario sono:

  • utilizzare i fidi di conto corrente non al limite dell’affidamento concesso;
  • movimentare i saldi di conto corrente;
  • evitare gli sconfinamenti (anche quelli tecnici), fare attenzione alle valute delle RIBA e le valute degli incassi, se ad esempio questi sono gestiti con la medesima data sicuramente, se l’utilizzo del fido è al limite vi porteranno sicuramente ad uno sconfinamento tecnico a fine mese;
  • gestire al meglio gli insoluti selezionando la propria clientela.

A tal fine, lo Studio Giansalvo, dopo aver, per oltre 15 anni, difeso l’utente bancario contro le vessazioni bancarie ha implementato un nuovo servizio di analisi della centrale rischi a prezzi altamente competitivi.

Per accedere a tale servizio è sufficiente inviarci la centrale rischi degli ultimi 3 anni (oppure possiamo richiederla noi in banca al tuo posto) per avere, in un giorno lavorativo dalla consegna della documentazione, l’analisi sullo stato di salute finanziaria della tua azienda

A cosa serve questo servizio?

La centrale rischi bancaria spesso è sottovalutata sia dagli imprenditori che dai commercialisti i quali continuano a cercare di migliorare i bilanci al fine di far finanziare l’azienda.
Considera che la valutazione della centrale rischi pesa fino al 70% della concessione del rating aziendale al fine della concessione o rinnovo delle linee di credito. Pertanto avere una buona centrale rischi è necessario per poter accedere al credito bancario. Ma la centrale rischi fornita gratuitamente dalla Banca d’Italia è di difficile comprensione e non ne permette una fruizione pienamente utile alle necessità aziendali. Con la consulenza dello Studio Giansalvo avrai un report sintetico e dettagliato della centrale rischi con il quale si potranno, tra l’altro, verificare:

  • lo stato dei pagamenti al fine di poter minimizzare il costo del denaro ed ottenere fin da subito un risparmio in termini di oneri bancari;
  • la percentuale di insoluti per ogni singola banca;
  • la natura degli sconfini e soprattutto capire come erano evitabili al fine di risparmiare su CIV (Commissioni di Istruttoria Veloce) e tassi extra fido;
  • la percentuale di utilizzo dei rapporti e l’eventuale stato di tensione raggiunto, per gestire sia i sotto che i sovra utilizzi;
  • il dettaglio delle esposizione di ogni singolo mese;
  • l’ammontare delle garanzie prestate e la loro natura, al fine di poter gestire le garanzie prestate dai soci dell’azienda attraverso riduzioni di ipoteche e altro con l’obiettivo di poter ottenere nuova finanza.

Con le indicazioni ricevute dal report e dalla consulenza dello Studio Giansalvo si potrà nel breve periodo migliorare il proprio rating bancario al fine di ottenere dalla Banca il più appropriato supporto creditizio per la tua azienda e fin da subito la riduzione degli oneri bancari.

Il costo del servizio è il seguente:

  • 200 euro imponibile (analisi della centrale rischi degli ultimi 3 anni);
  • 250 euro imponibile (richiesta centrale rischi ed analisi degli ultimi 3 anni);
  • 350 euro imponibile (analisi della centrale rischi degli ultimi 3 anni ed una consulenza in videoconferenza di 30 minuti con il Dott. Roberto Giansalvo).
CONTATTA LO STUDIO AI NUMERI 0872 724312 OPPURE ALL'INDIRIZZO roberto@studiogiansalvo.it PER AVERE INFORMAZIONI
RICEVIAMO IN DIVERSE SEDI SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE: LANCIANO (CH), TRIESTE E BERGAMO.